detrazione-fiscale_centrodelserramento-it

Detrazione fiscale 65%

Migliorare il risparmio energetico con la detrazione fiscale del 65%

Se sostituisci le tue vecchie finestre fino al 31 dicembre 2017 potrai usufruire della detrazione del 65% per la riqualificazione energetica sull’importo totale posa compresa della fattura

Detrazione fiscale 65%

Chi vuole sostituire i vecchi infissi di casa con finestre a risparmio energetico può iniziare i lavori senza chiedere permessi. L’importante è che gli infissi siano della stessa dimensione di quelli precedenti.

I beneficiari sono tutti i contribuenti che sostengono le spese per gli interventi di riqualificazione energetica e che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto d’intervento (persone fisiche, professionisti, società e imprese), gli inquilini, i condomini, i titolari di un diritto reale sull’immobile e chi detiene l’immobile in comodato.

La detrazione spetta anche a familiari e conviventi a patto che sostengono le spese per la realizzazione dei lavori, e che fatture e bonifici risultino intestati a loro.

E’ obbligatorio compilare per via telematica all’Enea, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, tutta la documentazione necessaria a seconda della tipologia di intervento) e assicurarsi che i pagamenti siano effettuati su apposito modulo per RISPARMI ENERGETICO

Link  con info per  sulla compilazione allegato F 

La data di fine lavori, dalla quale decorre il termine per l’invio della documentazione all’Enea, coincide con il giorno del cosiddetto “collaudo” (e non di effettuazione dei pagamenti).

I lavori ammessi all’agevolazione fiscale riguardano la riqualificazione energetica di edifici esistenti e comprendono la sostituzione di finestre e infissi, l’isolamento delle pareti opache, la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione e l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda.

Per ciascuna tipologia d’intervento è previsto un limite di spesa che si è ridotto rispetto alla precedente detrazione del 55%.

Per usufruire della detrazione del 65% fanno fede le date dei pagamenti che devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2017. I pagamenti devono avvenire esclusivamente tramite bonifico bancario “parlante” in cui siano chiaramente indicati la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e il codice fiscale o partita Iva di chi beneficia del pagamento. L’agevolazione va inserita nella dichiarazione dei redditi insieme ai dati catastali dell’immobile e corredata dai documenti giustificativi di spesa. Il rimborso verrà quindi ripartito equamente in dieci anni.